Accademia Francesco Soldano - Scuola Gaetano Bonoris

L’Accademia Francesco Soldano – Scuola Gaetano Bonoris, gestita dall’Associazione Francesco Soldano, è un ente a sfondo culturale che svolge molteplici attività e promuove varie iniziative: corsi di musica orchestrale a valenza musicoterapeutica per persone disabili e con difficoltà; laboratori musicali rivolti alle scuole del territorio; seminari e incontri di approfondimento per stimolare il dibattito culturale su tematiche legate ai temi delle differenze e della diversità.
“Diversità, bellezza, solidarietà, incontro: sono queste le quattro parole chiave che, in questi anni, hanno portato l’Associazione Francesco Soldano a stringere contatti e relazioni con un mondo straordinariamente ricco di valori umani – quello delle associazioni di solidarietà – fatto di persone, di coraggio e di generosità. Un’esperienza emozionante che ha permesso di creare rapporti intensi con operatori, familiari e personale sanitario: si è constatata la straordinaria potenzialità di apprendimento di disabili che, imparando a suonare uno strumento, hanno acquisito autostima e capacità di relazionarsi con gli altri.
Da qui è nato il Laboratorio di Educazione Musicale “DieciDiesis”, progetto dell’Accademia Musicale Francesco Soldano – Scuola Gaetano Bonoris, che si propone di diventare un’esperienza pilota capace di dare voce ad un mondo di eccellenza umana, dove la musica può diventare un prezioso strumento in grado di valorizzare le potenzialità di ciascuno, favorendo un nuovo approccio educativo e riabilitativo.”

Il direttore Daniele Alberti

"Ecco l’orchestra dei musicisti più bravi" BRESCIAOGGI - 26 Maggio 2014

Nel Vanvitelliano sono andate contemporaneamente in scena la più bella avventura che mai poeta abbia immaginato e la bellezza della vita, che nessun cineasta o fotografo è mai riuscito a raffigurare. Dove di solito siedono le autorità, c'era l'orchestra.

"Quando la musica unisce e cura il dolore" di Enrico Raggi GIORNALE DI BRESCIA - 23 Maggio 2014

Quindici valorosi, fra i 12 e i 50 anni, diversamente abili,ugualmente sensibili, sinceramente comunicativi, affiancati da professionisti che li sostengonoecoordinano. A ricordarci che la varietà genera ricchezza; per dimostrare come l’arte possa dare voce a chi non ne ha.

"Nasce il progetto «diecidiesis» l’orchestra extra ordinaria" di Maria Zanolli Corriere della Sera Brescia - 21 Maggio 2014

Quando i ragazzi suonano si sente l’umano comune. Un colpo di piatti sarà impossibile da dimenticare. E i confini, le distanze, si annullano.

L'accademia

Alcune immagini dell'accademia