Skip to main content
-->

Incanti madrigaleschi tra note e spiritualità - 08/04/2018

LeXgiornate per l’Arte”.Musica a Palazzo: chiesa dei santi Cosma e Damiano gremita per “Sicur Turtur”

Applaudito concerto in Cosma e Damiano per “LeXgiornate per l’Arte”


Positivo debutto della classe di canto rinascimentale e barocco del Conservatorio di Brescia nel concerto tenuto ieri mattina nella chiesa dei Santi Cosma e Damiano per la rassegna de “LeXgiornate per l’Arte”. Con il coordinamento di Lia Serafini, l’ensemble vocale era formato da sette cantanti (de soprani, due controtenori, due tenori e un basso) con l’aggiunta di un clavicembalo per l’accompagnamento. Il programma era equamente ripartito tra pagine madrigalesche del tardo Rinascimento italiano e composizioni liturgiche francesi a cavallo tra fine Seicento e inizio Settecento. Due mondi sonori ben diversi che vedevano da un lato tre splendidi madrigali a cinque voci di Claudio Monteverdi (dal Quarto libro pubblicato nel 1603), nella versione d’epoca “fatta spirituale” da Aquilino Coppini, cioè con parole latine d’argomento sacro in luogo degli originali versi italiani su temi amorosi, dall’altro un dolce “Stabat Mater” di Marc-Antoine Charpenier per esecuzioni conventuali e floridissimi duetti di Francois Cuperin con la “Troisiéme leçon de ténébre” (1714) e un mottetto pasquale. Raffinata arte polifonica a cappella contrapposta allo spericolato sfoggio di colorature barocche su basso continuo. E’ sicuramente un’ottima notizia che il Conservatorio di Brescia abbia attivato lo scorso anno una classe di canto nel dipartimento di musica antica: in questo modo si onora anche l’intitolazione all’illustre concittatindo Luca Marenzio che si potrebbe quasi definire il Mozart del madrigale cinquecentesco italiano. L’ottimo lavoro AVVIATO DALLA DOCENTE Lia Serafini, apparso ieri in tutta evidenza soprattutto nelle composizioni monteverdiane, fa ben sperare in una rinnovata valorizzazione di questo irrinunciabile patrimonio musicale. Un pubblico attento e numeroso ha anche potuto ammirare l’eleganza dell’interno settecentesco della chiesa dei Santi Cosma e Daminano oggi officiata dall’Arcidiocesi ortodossa d’Italia e Malta.




LeXGiornate-Musica-a-Palazzo-incanti-madrigaleschi-07042018
Scroll